9 dicembre 2015

La Canapa può essere la svolta per l’Italia. Ecco le meraviglie di questa pianta






Utile per produrre fibre, tessuti, mattoni, carta, semi super nutrienti e un olio alimentare salutare, per bonificare i terreni (perché assorbe i metalli pesanti) e tanto altro.
Una vera a propria pianta delle meraviglie di cui non si butta via nulla. La canapa è una pianta che l’uomo, da tempo immemorabile, ha diffuso in ogni luogo ove era possibile coltivare. Dal basso Danubio alla Cina settentrionale le piante di canapa sono spontanee, da qui l’origine asiatica. Furono gli Sciiti a portare la canapa in Europa, intorno al 1500 a.C., i Romani la introdussero in Italia intorno al 300 a.C. Nei primi del ‘900 l’Italia è stata la seconda Nazione al mondo nella produzione di canapa. Nel corso del decennio 1903-1913, gli ettari destinati nel nostro paese a tale coltura erano 79.477 con un rendimento di 795.000 quintali annui. La nostra produzione era seconda solo a quella della Russia. Per la qualità della fibra (Carmagnola e Fibranova), l’Italia era prima sul mercato internazionale.

Di Dioni aka Riccardo Lautizi – dionidream.com

RIPULISCE E DISINTOSSICA IL TERRENO

Oggi i terreni sono sempre più inquinati, tra quello che cade dal cielo agli scarichi industriali. La canapa ha un ruolo enormeassorbendo dal terreno metalli pesantiche vengono stoccati nella foglia e nel fusto. Anche in questo caso la pianta non andrebbe buttata ma riutilizzata nell’edilizia o nella produzione di olio industriale. Si potrebbero quindi bonificare i terreni inquinati e allo stesso tempo produrre fonti di materie prime alternative.

PRODUCE CARTA SALVANDO I BOSCHI

Con la canapa si può produrre anche la carta risparmiando le foreste, basta pensare che un ettaro di questa piantagione prodotta in pochi mesiequivale a un ettaro di bosco di quattro anni. Un altro grosso vantaggio della canapa è costituito dalla bassa percentuale di lignina rispetto al legno degli alberi, che ne contengono circa il 20 % anzichè il 40 %. Attualmente le grandi cartiere utilizzano solo il legname degli alberi. Il processo per ottenere le microfibre pulite di cellulosa, e quindi la pasta per la carta, prevede l’uso di grandi quantità di acidi che servono per sciogliere il legno. Questa operazione, costosa ed inquinante, non è necessaria con la carta di canapa ottenuta dalla sola fibra, e per quanto riguarda il legno di acidi ne servono meno della metà. Inoltre la fibra e il legno della canapa sono già di colore bianco e la carta che se ne ottiene è già stampabile.

E’ MOLTO MEGLIO DEL COTONE

La pianta di canapa è il doppio più produttiva in fibra tessile del cotone ed ha un impatto ecologico minore. Per avere un kg di fiocchi di cotone occorrono 9 mila e 700 litri d’acqua, mentre rpr avere un kg di canapa totalmente utilizzabile in ogni sua parte occorrono 2 mila e 200 litri d’acqua. La fibra della canapa è quattro volte più forte di quella del cotone e quindi produce un tessuto più resistente. La canapa non ha bisogno di pesticidi ed erbicidi mentre il cotone ha bisogno di molti agenti chimici tanto da lasciare una terra arida e la falda inquinata. Per questo cerco di indossare solo prodotti realizzati in cotone biologico.

I SEMI E L’OLIO DI CANAPA FANNO BENISSIMO ALLA SALUTE (E SONO BUONI!)

I semi di canapa sono tra i semi più nutriente al mondo. Ha un contenuto diproteine ad alto valore biologico pari al 20/25% (nell’olio arriva al 30/40%), e contiene tutti e 9 gli amminoacidi essenziali. Per il loro valore nutritivo i semi di canapa sono stati proposti come rimedio alla carenza di proteine dei paesi in via di sviluppo. Contieneomega-6 e omega-3 nel giusto rapporto per l’organismo umano. Inoltre sono presenti vitamine, fitosteroli, caroteni e minerali.
Dalla spremitura a freddo dei semi si può ricavare un olio eccezionale ad uso alimentare e cosmetico che è considerato un vaccino nutrizionale: se utilizzato quotidianamente aiuta ad esempio a rafforzare il sistema immunitario e il sistema cardiovascolare. Dai semi è possibile inoltre ricavare farine per la creazione di prodotti da forno dolci e salati. Anche la birra alla canapa è ottima e chi l’ha provata non dimentica il suo sapore.

EDILIZIA, COMBUSTIBILI, MATERIALI PLASTICI, VERNICI, COSMETICI

Sono tantissimi gli usi della canapa e in questo articolo voglio rendere l’idea di come l’Italia abbia la possibilità di sfruttare la ricchezza del suo terreno e del suo clima per coltivare una pianta che è una vera e propria ricchezza, per l’uomo e per il pianeta. Esistono associazioni in tutta Italia che promuovo la canapa assistendo gli imprenditori e i contadini nella produzione, dalla parte burocratica fino alla distribuzione. Anche il mercato è pronto a ricevere i prodotti della canapa. Esistono già ora centinaia di ditte in tutto il mondo che, usando materie prime provenienti dai paesi che non hanno mai interrotto la coltivazione (come l’Ungheria), fabbricanonumerosi articoli a base di canapa: tessuti e capi d’abbigliamento, olio dei semi e prodotti alimentari che li contengono, saponi, cosmetici, vernici, carta, detersivi, tavole ed altri materiali per l’edilizia, legni compensati, oggetti d’arredamento ecc. Alcune di queste ditte hanno visto il loro fatturato crescere anche del 500 % in un solo anno.

Dioni aka Riccardo Lautizi

DA dionidream.com

Nessun commento:

L'ORIGINE OCCULTA DELLA CRISI ECONOMICA CHE NESSUNO VEDE...(VIDEO)