17 dicembre 2015

BIOFOTONI: IL CORPO UMANO LI EMETTE, COMUNICA CON ESSI, ED È COMPOSTO DA LUCE


Sempre più la scienza è d’accordo con la poesia di esperienza umana diretta: noi siamo più che gli atomi e le molecole che compongono il nostro corpo, ma esseri di luce.
Biofotoni sono emessi dal corpo umano, può essere rilasciato attraverso l’intenzione mentale, e può modulare i processi fondamentali all’interno di cella-a-cella di comunicazione e di DNA.

Nulla è più stupefacente il fatto altamente improbabile che noi esistiamo . Spesso ignoriamo questo fatto, incurante della realtà che, invece di qualcosa che non ci poteva essere niente di niente, vale a dire perché c’è un universo (acutamente consapevole di se stessa attraverso di noi) e non qualche vuoto del tutto inconsapevole di se stessa?

Si consideri che dalla luce, l’aria, l’acqua, i minerali di base all’interno della crosta terrestre, e l’almeno 3000 milioni anno vecchio informazioni contenute all’interno del nucleo di una cellula zigote diploide, il corpo umano è formato, e all’interno di quel corpo un’anima capace di almeno cercare di comprendere il suo corpo e le sue origini spirituali.

Data la follia pura della nostra condizione esistenziale, e incarnazione corporea nel suo insieme, e considerando che la nostra esistenza terrena è in parte formata dai raggi solari e richiede il consumo continuo di luce solare condensato sotto forma di cibo, potrebbe non sembrare così inverosimile che il nostro corpo emette luce.

Infatti, il corpo umano emette biofotoni , noto anche come emissioni di fotoni ultraweak (UPE), con una visibilità 1.000 volte inferiore alla sensibilità del nostro occhio nudo. Anche se non visibile a noi, queste particelle di luce (o le onde, a seconda di come li sta misurando) fanno parte dello spettro elettromagnetico visibile (380-780 nm) e sono rilevabili attraverso sofisticate strumentazioni moderne.[1] , [2]
L’occhio fisico e “mentale” emette luce

L’occhio stesso, che è continuamente esposto a potenti fotoni ambientali che passano attraverso vari tessuti oculari, sono emissioni di luce indotta ultraweak fotoni spontanei e visibile. [3] E ‘stato anche ipotizzato che la luce visibile induce ritardato bioluminescenza all’interno del tessuto oculare esposta, fornendo una spiegazione per l’origine della immagine residua negativa. [4]

Queste emissioni luminose sono stati correlati con il metabolismo energetico cerebrale e lo stress ossidativo nel cervello dei mammiferi. [5][6] E tuttavia, le emissioni di biofotoni non sono necessariamente un epifenomeno. L’ipotesi di Bókkon suggerisce che i fotoni prodotte dai processi chimici all’interno del cervello producono immagini biofisici durante immagini visive, e uno studio recente ha scoperto che quando i soggetti attivamente immaginavano luce in un ambiente molto scuro la loro intenzione prodotto aumenti significativi delle emissioni fotografiche ultraweak. [7] Questo è coerente con una vista emergente che biofotoni non sono unicamente metabolica cellulare sottoprodotti, ma piuttosto perché biophoton intensità può essere notevolmente superiore dentro cellule rispetto all’esterno, è possibile per la mente per accedere a questo gradiente di energia per creare immagini intrinseche biofisiche durante percezione visiva e l’immaginario. [8]

Le nostre cellule e il DNA Usa biofotoni per memorizzare e comunicare informazioni

Apparentemente biofotoni sono utilizzati dalle cellule di molti organismi viventi per comunicare, che facilita l’energia / trasferimento di informazioni che è di diversi ordini di grandezza più veloce di diffusione chimica. Secondo uno studio del 2010, “Comunicazione tra le cellule di biofotoni è stata dimostrata nelle piante, batteri, granulociti neutriophil animali e cellule renali”. [9] I ricercatori sono stati in grado di dimostrare che “… diversa stimolazione luminosa spettrale (infrarosso, rosso , giallo, blu, verde e bianco) ad una estremità delle radici nervose sensoriali o motori spinali determinato un significativo aumento dell’attività BioPhotonic all’altra estremità “. I ricercatori hanno interpretato la loro individuazione a suggerire che “… la stimolazione luminosa può generare biofotoni che conducono lungo le fibre nervose, probabilmente come segnali di comunicazione neurali.”

Anche quando scendiamo a livello molecolare del nostro genoma, il DNA può essere identificato come una fonte di emissioni di biofotoni pure. Un autore propone che il DNA è dipendente in modo biophoton che haproprietà eccimeri laser-like , consentendole di esistere in uno stato stabile lontano dall’equilibrio termico a soglia. [10]

Tecnicamente parlando un biofotoni è una particella elementare o quanto di luce di origine non termica nello spettro visibile e ultravioletta emessa da un sistema biologico. Essi sono generalmente ritenute essere prodotta come risultato del metabolismo energetico all’interno delle cellule, o più formalmente come “… sottoprodotto di reazioni biochimiche in cui le molecole eccitate sono prodotte da processi bioenergetici che coinvolge le specie attive dell’ossigeno,” [11 ]
Circadiano biophoton uscita del Corpo

Poiché il metabolismo del corpo cambia in maniera circadiano, emissioni di biofotoni anche variata lungo l’asse del tempo diurno. [12] La ricerca ha tracciato sedi anatomiche distinte all’interno del corpo in cui le emissioni di biofotoni sono più forti e deboli, a seconda del momento della giorno:


In generale, la fluttuazione della conta dei fotoni su tutto il corpo era più bassa al mattino che al pomeriggio. La regione torace-addome emesso più basso e più costante.Gli arti superiori e della regione testa emessi più e sempre più nel corso della giornata.Analisi spettrale di bassa, media e alta emissione dalla parte frontale superiore della gamba destra, la fronte e le palme nel campo di sensibilità del fotomoltiplicatore ha mostrato la maggiore emissione spontanea a 470-570 nm. La zona centrale del palmo emissione mano mostrava un contributo maggiore del range 420-470 nm nello spettro di emissione spontanea dalla mano in autunno / inverno. Lo spettro di luminescenza ritardata dalla mano mostrava maggiore emissione nello stesso intervallo come emissione spontanea.

I ricercatori hanno concluso che “I dati spettrali suggeriscono che le misure potrebbero fornire dati quantitativi sul modello individuale dei processi di perossidazione e anti-ossidativo in vivo.”
La meditazione e le erbe influiscono uscita biofotoni

La ricerca ha trovato una differenza di stress ossidativo mediato in emissione biophoton tra mediatori rispetto ai non meditatori. Coloro che meditano regolarmente tendono ad avere più bassi ultra-debole emissione di fotoni (UPE, biofotoni di emissione), che si ritiene derivare dal livello inferiore di reazioni dei radicali liberi che si verificano nei loro corpi. In uno studio clinico che ha coinvolto i praticanti di meditazione trascendentale ricercatori (TM) trovati:


Le basse intensità UPE sono stati osservati in due soggetti che meditano regolarmente.Analisi spettrale dei UPE umana ha suggerito che l’emissione ultra-debole è probabilmente, almeno in parte, un riflesso delle reazioni dei radicali liberi in un sistema vivente. E ‘stato documentato che i vari spostamenti fisiologici e biochimici seguono la pratica di lungo periodo di meditazione e si deduce che la meditazione può influenzare l’attività dei radicali liberi.[13]

È interessante notare che una pianta ben nota per il suo utilizzo nella riduzione dello stress (compresi inducono cali misurabili in cortisolo), e associato stress ossidativo accentuato, è stato testato clinicamente nella riduzione del livello di biofotoni emessi in soggetti umani. Conosciuto come Rhodiola, uno studio pubblicato nel 2009 sulla rivista fitoterapici ricerca ha trovato che coloro che hanno preso l’erba per 1 settimana ha una diminuzione significativa delle emissioni di fotoni rispetto al gruppo placebo. [14]
Pelle umana può catturare l’energia e informazioni da Sunlight

Forse più straordinaria di tutte è la possibilità che la nostra superficie corporea contiene cellule capaci di intrappolare efficacemente l’energia e informazioni dalle radiazioni ultraviolette. Uno studio pubblicato nel Journal of Fotochimica e Fotobiologia nel 1993, dal titolo, “luce solare artificiale irradiazione induce ultraweak emissione di fotoni in fibroblasti cutanei umani”, ha scoperto che quando la luce da una fonte di luce artificiale, è stato applicato a fibroblasti sia da soggetti normali o con la condizione xeroderma pigmentoso, caratterizzato da carenti meccanismi di riparazione del DNA, ha indotto emissioni molto elevate di fotoni ultraweak (10-20 volte) nel gruppo xeroderma pigmentoso. I ricercatori hanno concluso da questo esperimento che “Questi dati suggeriscono che le cellule xeroderma pigmentoso tendono a perdere la capacità di memorizzazione efficiente dei fotoni ultraweak, indicando l’esistenza di un sistema efficiente intracellulare fotone trapping all’interno di cellule umane. ” [15] La ricerca più recente ha anche identificato differenze misurabili in emissione biophoton tra cellule normali e il melanoma. [16]


In un precedente articolo, Does pigmento della pelle Act Like A Natural Solar-Pane l , abbiamo esplorato il ruolo della melanina nel convertire la luce ultravioletta in energia metabolica:


La melanina è in grado di trasformare l’energia della luce ultravioletta in calore in un processo noto come “conversione interna ultraveloce”; più del 99,9% della radiazione UV assorbita si trasforma da potenziale genotossico (che danneggiano il DNA), la luce ultravioletta in calore innocuo.

Se melanina in grado di convertire la luce in calore, potrebbe anche non trasformare la radiazione UV in altre forme utili biologicamente / metabolicamente di energia? Questo può non sembrare così peregrina se si considera che anche radiazioni gamma, che è altamente tossico per la maggior parte delle forme di vita, è una fonte di sostentamento per alcuni tipi di funghi e batteri.
Uscite biofotoni del corpo sono governati da forze solari e lunari

Sembra che la scienza moderna sta solo ora a riconoscere la capacità del corpo umano per ricevere ed emettere energia e informazioni direttamente dalla luce emessa dal sole. [17]

C’è anche una crescente consapevolezza che il Sole e la Luna influenzano le emissioni di biofotoni attraverso le influenze gravitazionali. Recentemente, le emissioni di biofotoni da piantine di grano in Germania e Brasile sono stati trovati per essere sincronizzato transcontinentally secondo ritmi associati con la marea lunisolare. [18] In effetti, la forza di marea lunisolare, per cui il Sole contribuisce al 30% e la Luna 60% di l’accelerazione gravitazionale combinata, è stato trovato per regolare un numero di caratteristiche di crescita delle piante sulla Terra. [19]
Intenzione è un essere vivente Forza di Fisiologia

Anche l’intenzione umana stessa, il cosiddetto fantasma nella macchina, può avere una base empirica in biofotoni.

Un commento recente pubblicato sulla rivista Investigacion Clinica dal titolo “La prova circa il potere dell’intenzione” affrontato questo collegamento:


Intenzione è definito come un pensiero diretto per eseguire una determinata azione.Pensieri rivolti a termine possono influenzare oggetti inanimati e praticamente tutti gli esseri viventi da organismi unicellulari agli esseri umani. L’emissione di particelle di luce (biofotoni) sembra essere il meccanismo attraverso il quale un’intenzione produce i suoi effetti. Tutti gli organismi viventi emettono una corrente costante di fotoni come mezzo di dirigere i segnali non locali istantanei da una parte del corpo ad un altro e con il mondo esterno. Biofotoni sono memorizzati nel DNA intracellulare. Quando l’organismo è cambiamenti malati in biofotoni sono prodotte emissioni. Diretta intenzione si manifesta come energia elettrica e magnetica produrre un flusso ordinato di fotoni.Nostre intenzioni sembrano operare come frequenze altamente coerenti capaci di modificare la struttura molecolare della materia. Per l’intenzione sia efficace è necessario scegliere il momento opportuno. In effetti, gli esseri viventi sono tra loro sincronizzati e per la terra ei suoi continui cambiamenti di energia magnetica. E ‘stato dimostrato che l’energia di pensiero può anche alterare l’ambiente. L’ipnosi, fenomeni stigmate e l’effetto placebo può anche essere considerato come tipo di intenzione, come le istruzioni al cervello durante un particolare stato di coscienza. I casi di guarigioni spontanee o di guarigione a distanza di pazienti molto malati rappresentano istanze di una grandissima volontà di controllare le malattie minacciose le nostre vite. L’intenzione di guarire, così come le credenze del malato sulla efficacia della guarigione influenza promuovere la sua guarigione. In conclusione, gli studi sul pensiero e la coscienza stanno emergendo come aspetti fondamentali e non come semplici epifenomeni che si stanno rapidamente portando ad un profondo cambiamento nei paradigmi della biologia e della medicina.

Così là lo avete. Scienza concorda sempre con l’esperienza umana diretta: noi siamo più che gli atomi e le molecole di cui siamo composti, ma gli esseri che emettono, comunicare con, e sono formate dalla luce.


[1] Herbert Schwabl, Herbert Klima. spontanea ultraweak emissione di fotoni da sistemi biologici e il campo di luce endogena. Forsch Komplementarmed Klass Naturheilkd. 2005 Aprile, 12 (2) :84-9. PMID:15947466


[2] Hugo J Niggli, Salvatore Tudisco, Giuseppe Privitera, Lee Ann Applegate, Agata Scordino, Franco Musumeci. laser ultravioletti-A-indotta ultraweak emissione di fotoni in cellule di mammifero. J Biomed Opt. 2005 Mar-Apr; 10 (2): 024006. PMID: 15910080


[3] Chao Wang, István Bókkon, Jiapei Dai, István Antal.spontanea e visibile indotta dalla luce ultraweak emissione di fotoni da occhi di ratto.cerebrali Ris. 2011 Jan 19; 1369:1-9. Epub 2010 Oct 26. PMID: 21034725


[4] . Ho Bókkon, RLP Vimal, Wang C, J Dai, V Salari, F Erba, ho Antal luce visibile indotta oculare ritardato bioluminescenza come possibile origine di immagine residua negativa. J Photochem Photobiol B. 3 maggio 2011; 103 (2 ) :192-9. Epub 2011 Mar 23. PMID: 21463953


[5] M. Kobayashi, M Takeda, T Sato, Y Yamazaki, K Kaneko, K Ito, H Kato, H Inaba. Nel imaging in vivo di spontanea ultraweak emissione di fotoni dal cervello di un ratto correlato con il metabolismo energetico cerebrale e lo stress ossidativo. Neurosci Res . 1999 luglio, 34 (2) :103-13. PMID:10498336


[6] Y Kataoka, Y Cui, A Yamagata, M Niigaki, T Hirohata, N Oishi, Y Watanabe. attività-dipendente ossidazione tessuto neurale emette fotoni ultraweak intrinseche. Biochem Biophys Res Commun. 27 luglio 2001; 285 (4) :1007-11. PMID:11467852






[9] Yan Sun, Wang Chao, Jiapei Dai. Biofotoni come segnali di comunicazione neurali dimostrato da in situ biophoton autografia.Photochem Photobiol SCI. 2010 Mar; 9 (3) :315-22. Epub 2010 Jan 21. PMID: 20221457


[10] FA Popp, W Nagl, KH Li, W Scholz, O Weingärtner, R Lupo. emissione di biofotoni. Nuova prova di coerenza e il DNA come fonte. Biophys cellulari. 1984 Mar; 6 (1) :33-52. PMID: 6204761


[11] Masaki Kobayashi, Daisuke Kikuchi, Hitoshi Okamura.Imaging di ultraweak spontanea emissione di fotoni dal corpo umano visualizzazione ritmo diurno. PLoS One. 2009; 4 (7): e6256. Epub 2009 Jul 16. PMID:19606225


[12] Masaki Kobayashi, Daisuke Kikuchi, Hitoshi Okamura.Imaging di ultraweak spontanea emissione di fotoni dal corpo umano visualizzazione ritmo diurno. PLoS One. 2009; 4 (7): e6256. Epub 2009 Jul 16. PMID:19606225


[13] Eduard PA Van Wijk, Heike Koch, Saskia Bosman, Roeland Van Wijk.caratterizzazione anatomica di ultra-debole emissione di fotoni umana in praticanti di meditazione trascendentale (TM) e di soggetti di controllo. J Altern Med Complemento. 2006 Jan-Feb; 12 (1) :31-8. PMID: 16494566


[14] FWG Schutgens, P Neogi, EPA van Wijk, R van Wijk, G Wikman, FAC Wiegant. L’influenza di adattogeni su ultraweak biophoton emissione: un pilota-esperimento. Phytother Ris. 2009 Aug; 23 (8) :1103-8. PMID:19170145




[16] Hugo J Niggli, Salvatore Tudisco, Giuseppe Privitera, Lee Ann Applegate, Agata Scordino, Franco Musumeci. laser ultravioletti-A-indotta ultraweak emissione di fotoni in cellule di mammifero. J Biomed Opt. 2005 Mar-Apr; 10 (2): 024006. PMID: 15910080


[17] . Janusz Slawinski emissione di fotoni da perturbato e organismi morenti:. prospettive biomediche Forsch Komplementarmed Klass Naturheilkd. 2005 Aprile, 12 (2) :90-5. PMID: 15947467


[18] Cristiano M Gallep, Thiago A Moraes, Samuel R Dos Santos, Peter W Barlow. Coincidenza di emissione biofotoni da piantine di grano durante la simultanea, prove di germinazione transcontinentali. Protoplasma. 2013 Giugno; 250 (3) :793-6. Epub 2012 Sep 26. PMID: 23011402


[19] Pietro W Barlow, Joachim Fisahn. forza di marea lunisolare e la crescita delle radici delle piante, e qualche altro dei suoi effetti sui movimenti delle piante.Ann Bot. 2012 Jul; 110 (2) :301-18. Epub 2012 Mar 20. PMID:22437666



Nessun commento:

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!