17 novembre 2015

OCCHI APERTI! STIAMO ANDANDO MOLTO VELOCEMENTE VERSO UN REGIME DI DITTATURA MILITARE EUROPEA!!!


di Veritanwo


Ho pubblicato appena un’ora fa un articolo che evidenzia le “conseguenze” degli attentati a Parigi, e della strategia della tensione in atto: leggi speciali e addirittura, un esercito europeo per contrastare il terrorismo.

Torno ad affrontare l’argomento, perché Hollande ha annunciato di voler addirittura cambiare la Costituzione francese, per dare maggiori poteri alla Polizia.

E anche in Italia, l’antiterrorismo ha chiesto a Renzi “nuovi strumenti”, che – anche se rassicurano, non ‘leggi speciali’ – sicuramente andranno a restringere gli spazi di libertà e di garanzia democratica a tutti i cittadini, e non certo solo a quelli “a rischio terrorismo”.

Ma davvero qualcuno crede che servano addirittura leggi speciali per contrastare il terrorismo?

Sta accadendo in Europa quello che è accaduto negli Stati Uniti all’indomani degli attentati dell’11 Settembre, quando George W. Bush, dopo gli attentati, varò il “patriot act“, che dal 2001 si è protratto sino a qualche mese fa, quando dopo 14 anni, il senato americano ha deciso di cessarlo.

Anche a livello mediatico, la gestione della comunicazione relativa agli attentati di Parigi è molto simile a quella dell’11 Settembre. Ampissima copertura globale, terminologia ben precisa: “ci hanno dichiarato guerra” – “questa è una guerra” – etc. e servizi molto emotivi.

Il “patriot act” era stato definito “il capitolo oscuro delle libertà civili negli Usa“, e conferiva alle forze dell’ordine poteri senza precedenti. La privacy di un cittadino poteva essere violata dalla polizia sulla base di futili sospetti, in modo arbitrario, senza richiedere l’autorizzazione, motivata, all’autorità giudiziaria. Inoltre, potevano arrestare e trattenere persone che non hanno commesso nessun reato, sempre sulla base di ‘sospetti’.

Capite bene che si tratta di leggi arbitrarie, che non riguardano solo i cittadini in odore di terrorismo, la cui privacy già oggi può essere violata, ovviamente. Ma tutti i cittadini.

Il clima di panico venutosi a creare negli USA all’indomani dell’11 Settembre, lo choc, rese possibile l’approvazione di una legge che, altrimenti, il popolo americano, che della “libertà” ha fatto la propria bandiera, non avrebbe mai approvato. Il popolo americano è molto legato alla sua (illusione) di libertà, in nome della quale, anche possedere armi è un diritto costituzionale.

Molti europei, francesi, italiani (etc) saranno felici di questa “voglia di sicurezza”, o almeno è così che viene percepito dalla gente quanto sta accadendo. Non capiscono che quanto sta accadendo, porterà, nel nome della sicurezza, a leggi repressive degne di una dittatura. Se fino ad oggi abbiamo vissuto in una dittatura con parvenza di libertà, presto anche la parvenza verrà meno.

Avviene solo nei regimi che le forze di polizia abbiano grandi poteri. E non lo affermo per “antipatia” o altri sentimenti negativi nei confronti delle forze dell’ordine, che sono un’istituzione irrinunciabile. Però nelle democrazie, il potere di un pubblico ufficiale è limitato e subordinato all’Autorità giudiziaria, alla magistratura.

Solo nei regimi duri e repressivi la polizia può violare la privacy e la libertà di un individuo senza un fondato motivo. E questo sicuramente favorisce anche abusi di potere.

E’ evidente che l’Europa si stia trasformando in questo. Un regime repressivo. Tra l’altro, è notorio che il terrorismo e la tensione, la paura, inducano i cittadini a stringersi intorno al governo, ad accantonare polemiche e richieste di diritti, oltre che ad accettare tutto supinamente.

Il corpo di polizia europeo è già pronto da tempo. Si chiama Eurogendfor, ed è stato istituito con il Trattato di Velsen. Dentro ci sono solo alcuni paesi, tra cui l’Italia, non tutti i paesi dell’eurozona hanno ratificato quel trattato, magari perché ciò avrebbe provocato proteste (a differenza di quanto è accaduto in Italia) ma adesso che hanno “un buon motivo per farlo”, possono entrare facilmente.

SI tratta di un corpo di polizia sovranazionale, che nonostante operi in Europa, risponde agli ordini della NATO. E di conseguenza, in primis agli americani, che sono i padroni della NATO. Informatevi, leggete quali ampi poteri sono stati concessi a questa polizia, che le magistrature nazionali non possono nemmeno indagare o perseguire. Sta tutto scritto nel testo del trattato di Velsen, facilmente reperibile in rete.

Veritanwo

Nessun commento:

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!