30 novembre 2015

La Sclerosi Multipla e' correlata a bassi livelli di vitamina D


Naturalmente lo studia non menziona la costante attivita' di oscuramento del sole da parte degli aerei chimici che svolazzano 24 ore al giorno per circa 365 giorni all'anno sopra le nostre teste
da almeno 15 anni e che inoltre emettono nella biosfera Alluminio,Bario,manganese,virus modificati e tante altre schifezze.Poi e' normale che ci sia il nesso di causa ed effetto...(ndr) P.S LA VITAMINA D VIENE PRODOTTA DALL'ORGANISMO A SEGUITO DELL'ESPOSIZIONE AL SOLE QUINDI...



Bassi livelli di vitamina D e Sclerosi Multipla



Uno nuovo e interessante studio sostiene un nesso causale nel rischio d’incidenza per la sclerosi multipla (SM) in pazienti con bassi livelli di vitamina D.

Si è riscontrata una forte relazione tra i livelli diminuiti di vitamina D e un aumento del rischio di SM, affermano i ricercatori del Dipartimento di Medicina, Genetica Umana, Epidemiologia e Biostatistica, della McGill University, Montreal, Quebec, Canada.

Questa teoria fornisce delle motivazioni per indagare ulteriormente se la supplementazione di vitamina D possa ridurre i casi di SM tra quelli più a rischio.

L’insufficienza di vitamina D è molto comune ed è stata già precedentemente associata ad un aumentato rischio di sclerosi multipla. Tuttavia, tali risultati erano stati raggiunti con scetticismo perché i livelli di vitamina D erano associati a molti altri fattori che potevano realmente influenzare la SM.

Per superare tali inconvenienti lo studio è stato effettuato con una nuova metodica chiamata “randomizzazione mendeliana”, che usa la randomizzazione naturale in genetica.

In primo luogo, i ricercatori hanno identificato dei polimorfismi a singolo nucleotide (SNP) associati ai bassi livelli di 25-idrossivitamina D utilizzando i dati dello studio SUNLIGHT, che è il più grande studio di associazione sull’intero genoma per i livelli di 25 (OH) D pubblicati fino ad oggi.

I ricercatori hanno scoperto che quattro SNP ubicati nella zona di geni fortemente implicati nell’influenzare la 25 (OH) D avevano un ampio genoma d’importanza per i controlli dei livelli di 25 (OH) D.

Successivamente, hanno determinato l’effetto di queste quattro SNPs sui livelli di 25 (OH) D in 2347 partecipanti dello studio canadese multicentrico sull’ osteoporosi. Essi hanno scoperto che ciascuno dei SNP era fortemente associata con 25 (OH) D inferiori.

Infine, i ricercatori hanno applicato i principi di randomizzazione mendeliana per studiare l’implicazione genetica di bassi livelli di 25 (OH) D con il rischio di SM, utilizzando i dati del Multiple Sclerosis Genetics Consortium (IMSGC).

Essi hanno scoperto che ogni diminuzione determinata geneticamente dei livello di 25 (OH) D era associata ad un aumento di 2 volte in probabilità di SM.

I livelli ottimali di vitamina D possono ritardare o prevenire la SM e la sua insorgenza merita ulteriori indagini a lungo termine con studi randomizzati controllati attraverso l’uso di supplementazione di vitamina D.
http://www.global-antiaging-medicine.com/it/2015/09/21/bassi-livelli-di-vitamina-d-e-sclerosi-multipla/

Nessun commento:

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!