30 novembre 2015

Il Parlamento russo “Sì alla guerra alla Turchia”


La Duma, oggi, ha votato favorevolmente al diritto da parte di Mosca a una “risposta militare” nei confronti dellaTurchia, dopo l’abbattimento di un Sukhoi-24 di Mosca da parte degli F-16 di Istanbul sopra il confine tra Turchia e Siria, avvenuto lunedì scorso.

Una decisione, quella della Duma, che aggrava ulteriormente i rapporti tra i due Paesi, che sono tesissimi. La Russia ha cancellato oggi a tempo indeterminato la sua partecipazione a esercitazioni militari congiunte nel Mar Nero.

Da parte sua, Erdogan ha annunciato la cancellazione dei voli militari turchi in territorio siriano, ma ha avvertito Mosca di “non giocare col fuoco”.

Il presidente russo ha ribadito di “non voler mettere a repentaglio le relazioni” con la Russia. In un discorso trasmesso in diretta tv, il leader turco ha puntualizzato che quanto accaduto non è stato “intenzionale” bensì dovuto “all’applicazione automatica delle regole d’ingaggio”. Quindi non ha escluso di incontrare il collega russo Vladimir Putin a margine dell’inaugurazione della
Conferenza sul Clima, lunedì prossimo, ma ha aggiunto un non rassicurante “voglio vederlo faccia a faccia”.

Erdogan ha anche accusato Putin di aver pronunciato “parole inaccettabili” nei confronti della Turchia e di “puntare a estendere ad altri settori” la disputa sul caccia abbattuto. Il presidente turco ha liquidato come “calunnie” le accuse di Mosca, secondo cui Ankara acquisterebbe clandestinamente petrolio dall’Isis, e le ha anzi ribaltate, sostenendo che gli Stati Uniti “hanno prove documentate della vendita al regime siriano” di idrocarburi da parte dello stesso Isis e persino “di compagnie russe”.

DA articolotre.com

Nessun commento:

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!