27 ottobre 2015

80 anni, 2 tumori e 2 settimane di vita: “Sono guarito grazie alla cannabis”


80 anni, 2 tumori e 2 settimane di vita: “Sono guarito grazie alla cannabis”Quella di Stan Rutner è una storia che sta facendo il giro del mondo. Naturalmente non se parla in Italia, dove, anche se i più importanti giornali nazionali
cominciano a parlare di cannabis come medicina, certe notizie non trovano spazio nei canali ufficiali d’informazione.

Stan e sua moglie Barb avevano già avuto a che fare con i cancro in passato. Lei era riuscita a sconfiggere un cancro al seno mentre lui era riuscito a guarire da un linfoma non Hodgkin. Ma quando la malattia è tornata a bussare alle porte della loro esistenza, Stan era più vecchio e aveva creduto che fosse la fine. A quasi 80 anni gli è infatti stato diagnosticato un cancro al polmone che ha formato metastasi anche nel cervello.

I trattamenti radioterapici e chemioterapici che l’avevano salvato quando era più giovane sono troppo pesanti per il suo fisico. Riusciva a malapena a scrivere, aveva perso completamente la memoria a breve termine, perdeva peso, soffriva di atrofia muscolare, insonnia e mancanza di energia. Dopo un’altra sessione di cure senza successo, peggiora per una polmonite causata dall’infiammazione dovuta alle radiazioni e viene ricoverato in ospedale con un respiratore 24 ore su 24.

I medici consigliano a Stan il ricovero in un ospizio anticipandogli una prognosi nefasta: secondo loro aveva due settimane di vita.

La risposta di chi non si arrende arriva dalla figlia di Stan e da suo marito, che da qualche tempo si sta informando sulle possibilità terapeutiche della cannabis. La fortuna della famiglia Rutners è quella di vivere in California, il primo Stato americano in cui è stata legalizzata la cannabis per scopi medici. E così la medicina di Stan diventa l’estratto di cannabis, simile a quello che Rick Simpson sponsorizza da anni sostenendo che cura il cancro, sotto forma di pastiglie ed estratto liquido.

“Ha iniziato a sentirsi più energico e pieno di speranza – ha raccontato la moglie a Culture – iniziando a poter camminare di nuovo, prima con un deambulatore e successivamente da solo, senza nessun aiuto: si stava riprendendo rapidamente”.








Nel gennaio del 2013, nei risultati della risonanza magnetica di Stan si può leggere : “Nessuna evidenza di recidiva della malattia“. Il cancro era totalmente sparito sia dal polmone, sia dal cervello e Stan, che oggi è tornato ad avere una vita normale e fa quotidianamente esercizio fisico, usa ancora le capsule di cannabis, con un contenuto minore, per mantenersi. “Per i medici – chiarisce la moglie – è un miracolato, ma noi crederemo per sempre che sia stata la cannabis a cambiare le cose”.

Evidenze scientifiche supportano il fatto che sia THC (psicoattivo), sia il CBD (non psicoattivo), principi attivi della cannabis, possono causare la morte delle cellule tumorali per apoptosi. E secondo un recente studiodei ricercatori dell’Università degli Studi di Milano, il CBD potrebbe offrire un trattamento efficace senza effetti collaterali per il cancro al cervello: “Il CBD è un fitocannabinoide non psicoattivo che risulta privo di effetti collaterali. I nostri risultati supportano il suo utilizzo come un farmaco anti-cancro efficace nella gestione dei glomi”, scrivono gli autori. Intanto in America è partito il primo studio scientifico della GW Pharmaceuticals su pazienti umani volto ad indagare gli effetti anticancro di THC e CBD in una forma di cancro al cervello, mentre la stessa società in passato ha annunciato che è stata emessa una concessione preliminare dall’Ufficio brevetti degli Stati Uniti per una domanda di brevetto che prevede l’uso di THC e CBD proprio per il trattamento del glioma. 

Fonte cannabisterapeutica.info

 http://sapereeundovere.com

4 commenti:

Albino Galuppini ha detto...

mASSONERIA. sTANO CERCANDO DI FARE PASSARE LA DROGA LIBERA PER I PROFITTI DELLE MULTINAZIONALI DEL TABACCO. lO HO SCRITTO MOLTE VOLTE NEL MIO BLOG pianetax.wordpress.com

Anonimo ha detto...

SE FINISCE ALLE MULTINAZIONALI DEL TABACCO (UN NOME A CASO.......PHILIP MORRIS) COSA SI VENDERA' NEI TABACCAI , PACCHETTI DI SPINELLI,ZARSE,CIPPE,STRUSI,REEFER,MARINAR,GANJA,JAQUETA,,CABAN,CHAQUETON
ECC.? MA POI MI CHIEDO è SARO' MOLTO GRATO A CHI MI SAPRA' DARE UNA RISPOSTA SERIA..........MA QUESTE TERAPIE A BASE DI ERBA, SONO EFFICACI ANCHE SE QUES'T ULTIMA VIENE ASSUNTA NEL MODO BOB MARLEY? PERCHE' SE è COSI IO SONO IMMORTALE....AHAHAHA : )

Anonimo ha detto...

Sono capsule non spinelli,
hahahah....;-)
Cmq meglio che la chemio visto che è naturale.

Anonimo ha detto...

certo che siete proprio degli ignoranti(nel senso letterale del termine e non offensivo), ma che c'entra la philip morris!!madonna mia quanta ignoranza!!!In metà del mondo è consentita e in nessuno stato la philip morris ha voce in capitolo!!!Ma soltanto lo stato e le aziende piccole o grandi che producono canapa...la cannabis viene tassata come qualsiasi altro prodotto e funziona!Ci sono introiti in più(MILIARDI), posti di lavoro in più (MIGLIAIA) e senza il tabu canapa, essa viene usata in tutti i modi possibili, dalla medicina al tessile!!Ma siccome in italia cè gente bigotta(e i commenti sopra ne son la prova)...siamo condannati a essere sempre gli ultimi e rimetterci sempre!SVEGLIATEVI GENTE, con 8 miliardi l'anno di introiti si possono saldare i debiti regionali, aumentare i posti di lavoro e far del bene alla collettività, nonchè abbattere un grande quantitativo di denaro destinato alle cosche mafiose!Ma voi pensate solo allo sballo da film hollywodiano e non riuscite a vedere oltre il vostro naso!POVERA ITALIA!
PS: tra le mani questi giorni raccolgo le olive e le metto nei sacchi di canapa che mio nonno utilizzava da bambino!hanno 80 anni e neanche un segno di usura!!!!!!Oltretutto ho anche una corda sempre del 1920 circa.....regge un trattore in trazione e non si è mai rotta!!Stupendo materiale!
Ma voi pensate ai bonghi, alle canne e alla philip morris(cosa che non sta ne in cielo ne in terra!).
GENTE....INFORMATEVI INVECE DI SPARARE CAVOLATE!

L'ORIGINE OCCULTA DELLA CRISI ECONOMICA CHE NESSUNO VEDE...(VIDEO)