17 settembre 2015

IL PIANO DI DOMINIO MONDIALE DEGLI STATI UNITI D'AMERICA


La NATO non è sottomessa al diritto internazionale. Essa è il diritto internazionale. Per questo, sulle rovine e sulla distruzione di popoli, il capitalismo costruisce i propri affari. 

Nel 1933 il cittadino statunitense Smedley D. Butler, dopo aver trascorso trentatrè anni e quattro mesi in servizio militare effettivo permanente in qualità di membro della più versatile e agile forza militare degli USA, il Corpo dei Marines, ricoprendo tutti i gradi della scala gerarchica, da sottotenente a maggiore generale fino a generale di divisione, ormai fuori dal lavoro, si sentì libero di parlare, ed ebbe a dire (e lo riportò nel libro "War is racket"): 


"In tutto quel periodo ho trascorso la maggior parte del mio tempo a fare il superman di prima classe, tutto muscoli e niente cervello, per il Grande Business di Wall Street e per i banchieri. In poche parole, ho fatto il racketeer, sono stato un delinquente, un gangster ed ho operato come emissario del capitalismo." 

Quando il capitalismo, nella sua pratica di rapina, oltrepassa i confini della Nazione, diventa Imperialismo, ovvero crimine internazionale, ed è lo stesso Butler che ce ne dà la conferma: 


"Ripassando con lo sguardo tutto quanto feci allora, sento di poter impartire tante lezioni allo stesso Al Capone che avrebbe avuto parecchie cose da imparare da me. Il massimo che lui era riuscito a fare era stato di organizzare un racket in tre distretti cittadini. Noi Mariners operavamo su tre continenti." 

Attualmente l'economia americana è completamente dipendente e intrecciata con il militarismo statunitense, così come ieri l'economia nazista era intrecciata con il militarismo tedesco. La spesa militare degli Usa è maggiore di quella di tutti gli altri paesi al mondo messi insieme. La maggior parte delle imprese dipende in un modo o nell'altro dai profitti della guerra e del militarismo: l'ottanta per cento delle commesse sono militari. Più di 250 miliardi di dollari all'anno vengono bruciati per le spese militari. Questo è l'unico settore della spesa federale che non subisce notevoli tagli. Lo scopo ultimo degli USA è il controllo dei destini del pianeta, militarmente, politicamente ed economicamente. E' guidato da un insaziabile appetito del profitto…



Sopra: I militari della NATO - © FLICKR.COM/ 7ARMYJMTC 

Dal 1945 ad oggi gli Stati Uniti d'America direttamente o mediati dalla maschera della NATO, hanno bombardato da due a tre Paesi all'anno. Gli interventi dell'imperialismo nordamericano hanno come obiettivi i punti di resistenza alla penetrazione neoliberista presenti ancora sul nostro Pianeta. La Jugoslavia ha rappresentato (e in parte lo rappresenta ancora oggi) uno dei punti più pericolosi per la realizzazione del dominio globale (la cosiddetta globalizzazione!) del Mondo. In quest'area gli Stati Uniti hanno puntato all'utilizzo dell'elemento nazionalista ora semplicemente nazionalista (Croazia) ora anche religioso, in questo caso, musulmano (Bosnia, Kosovo), esasperando i conflitti etnici e teorizzando una situazione favorevole al loro intervento.
Un rapporto segreto della Cia del 1990, reso pubblico il giorno della festa nazionale della Jugoslavia, il 29 novembre, quasi come un macabro segnale del tipo "vi spaccheremo", prevedeva che entro diciotto mesi, sarebbe avvenuto uno smembramento della Jugoslavia, con esplosioni di violenze che — affermava il documento — hanno "molte probabilità" di trasformarsi in guerra civile. Sempre secondo la Cia "l'esperimento jugoslavo è fallito e il Paese sarà smembrato" e aggiungeva che tutto ciò "sarà molto probabilmente accompagnato da esplosioni di violenza etnica e disordini che potrebbero portare ad una guerra civile". Il rapporto giungeva a definire con precisione che il presidente Slobodan Milosevic era da ritenere come "il principale istigatore" dei predetti conflitti jugoslavi.



Sopra: Le fiamme ed esplosioni dopo l`attacco dei missili della NATO a Belgrado nel 1999
- © AP PHOTO/ DIMITRI MESSINIS 

Questo rapporto "segreto" della Cia faceva seguito all'approvazione delle legge 101-513 da parte del Congresso degli Stati Uniti, il 5 novembre del 1990. Tale norma prevedeva lo stanziamento di fondi per le operazioni internazionali e nella fattispecie essa distribuiva fondi oppure li attribuiva alle dirigenze delle varie repubbliche jugoslave in base a criteri politici, con la regola dell'appoggio ai secessionisti., una legge che praticamente ha segnato la condanna a morte della Jugoslavia. Una delle misure previste era così letale che il rapporto della Cia sopra riportato, si riferiva proprio a questa legge.
Un rapporto pubblicato durante i colloqui di Dayton (1995) dal Dipartimento di Stato Usa, "Bosnia Fact Sheet: Economic Sanctions Against Serbia and Montenegro", spiega che 


"Le sanzioni hanno contribuito a un significativo declino della Jugoslavia. La produzione industriale e il reddito effettivo sono calati del 50% dal 1991. Ottenere un allentamento delle sanzioni è diventata una priorità per il governo jugoslavo". 

Il ricatto aveva funzionato e ora si poteva agire. 

L'attuazione pratica di questo piano ha visto gli USA intervenire attraverso: 
Fornitura di armi ai nazionalisti anti-serbi; 
Copertura mediatica di crimini commessi dai nazionalisti allo scopo di far ricadere le responsabilità sui serbi; 
Organizzazione e copertura del traffico di armi e droga i cui profitti sono stati destinati al finanziamento delle guerriglie anti-serbe. 

Da notare che qui è stato adottato lo stesso meccanismo utilizzato in Nicaragua dove i contras venivano finanziati dal commercio di droga fiorente in California. Oltretutto, nel Kosovo hanno agito gli stessi personaggi con la busta paga della Cia, fra cui lo statunitense Walker, già organizzatore degli squadroni della morte in San Salvador. 

Da tempo gli Stati Uniti avevano aspirato a diventare i "padroni" dei Balcani. Un documento del Pentagono in parte pubblicato dal "New York Times" asserisce il bisogno di una totale supremazia mondiale degli Stati Uniti sia in termini politici che militari e il medesimo documento contiene esplicite minacce nei confronti di quei Paesi che aspiravano (o che aspirassero ancora oggi) ad aumentare il proprio ruolo nei Balcani. 

Ecco alcuni stralci del documento: 


"Il nostro primo obiettivo è prevenire il riemergere di un nuovo rivale… ("nuovo" si intende dopo quello "vecchio", cioè l'URSS, ormai messa fuori combattimento- n.d.c.). Innanzitutto gli Stati Uniti devono sottolineare la necessità della loro leadership per stabilire e mantenere il nuovo ordine, convincere i potenziali competitori che non possono aspirare a un ruolo maggiore o perseguire un atteggiamento più aggressivo per proteggere i loro legittimi interessi". 


"Dobbiamo essere responsabili degli interessi delle nazioni industrialmente avanzate per indurle a non cercare il rovesciamento dell'ordine politico ed economico stabilito. Infine, dobbiamo mantenere il meccanismo militare per scoraggiare potenziali competitori dall'aspirare ad allargare il loro ruolo regionale o globale". 


"É di importanza fondamentale preservare la Nato come principale strumento di difesa e sicurezza… Dobbiamo cercare di prevenire l'emergere di accordi di sicurezza fra i soli Stati europei che potrebbero indebolire e mettere in discussione l'esistenza della Nato". 

In un discorso tenuto nel settembre 2001, il deputato USA Lester Munston, ha dichiarato: 


"Voi non vedrete mai apparire i piloti della NATO dinanzi ad un Tribunale dell'ONU. La NATO è accusatrice, procuratrice, giudice ed esecutore, poiché è la NATO che paga le bollette. La NATO non è sottomessa al diritto internazionale. Essa è il diritto internazionale". 

Estratto dal libro "IL SOAVE PROFUMO DELL'IMPERIALISMO" di Gianni Viola, Ricercatore scientifico, giornalista freelance e consulente politico-militare d'Ambasciata. Originariamente pubblicato sul sito www.interkosmos.it


1 commento:

Anonimo ha detto...

A poca distanza da Ground Zero siede come se fosse un calderone internazionale fumante,le "Abominazioni Unite"(ONU). Nato per evitare guerre , congelato a fronte del disastro e stette silenziosa mentre terrorizzati presero in ostaggio il mondo.

In una palude di ipocrisia, ignora i crimini sessuali dei suoi caschi blu e consente il terrorismo, così alla fine , esso ha fallito. E l'ONU è dove i nostri cosiddetti amici arrivano a noi per pugnalarci alla schiena e paghiamo il 22% della loro scheda per ospitare i nostri nemici qui a casa.

Ambasciatori di paesi, altrimenti noti come "La catastrofe" godono di immunità diplomatica, vivono a Manhattan nel lusso più sfrenato , mentre il loro popolo e i loro bambini muoiono di fame e sotto le bombe della NATO. È una vergogna completa e totale! Una macchia sul volto dell'umanità!
Tenuta in ostaggio da oil- for- food
Ancora i propri piatti sono pieni fuori il grasso delle loro terre
C'è sangue sulle loro mani, segretario Ban ki Moon giusto?
Hanno promesso di dire la verità
Senza lasciare un'impronta digitale.
Perderanno l'ONU un modo o in altro.
La vittima, temo che saremo noi, fratelli e sorelle!

L'ONU è giusto? Ahahahh ipocriti non si può essere qualsiasi più 'ONU'
Quello che sei adesso, l'ONU è annullata.

Un serio e unanime pericolo
La decisione di attaccare
Si possono seppellire i corpi
Ma lei non può seppellire i crimini. L'ONU firma risoluzione su risoluzione ed è diventato irrilevante attraverso l'inazione e la paralisi totalitaria(NATO,Massoni Satanisti). "Ordine,Ordine!!! "Ha! Non ci sono abbastanza cose come l'ordine non è vero "Larry"? Le Nazioni Unite possono chiudere i battenti in modo definitivo,loro non hanno mai concluso niente,o no? Le guerre senza fine della NATO sempre avallate dalla complicità e dal silenzio dell'ONU,dove era essa per prevenire la pace? Non c'era alcun fetente ONU. Affrontare le guerre senza fine,guardando ad un futuro senza più nessuna ONU e NATO.

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!