30 settembre 2012

La Russia blocca le importazioni di mais OGM della Monsanto!


Roma, 26 set. (TMNews) - La Russia ha temporaneamente sospeso le importazioni di mais geneticamente modificato prodotto dal colosso Usa delle biotecnologie Monsanto dopo la pubblicazione di un discusso studio che lega il consumo del prodotto alla mortalità per cancro nei ratti. L'agenzia di protezione dei consumatori Rospotrebnadzor ha annunciato che sta studiando i dati dello studio francese e che ha chiesto l'aiuto di un istituto russo per interpretare i dati. "Finchè non riceveremo una piena informazione sul caso, l'importazione e la vendita di mais NK603 geneticamente modificato sono temporaneamente sospese" si legge in un comunciato pubblicato sul sito dell'agenzia.

Lo studio è stato duramente criticato perchè i ricercatori francesi che lo hanno condotto hanno rifiutato la verifica dei risultati da parte dell'Efsa, l'Agenzia europea per la sicurezza alimentare. Gli scienziati dell'Università di Caen hanno sostenuto che l'Efsa non è imparziale dato che ha già approvato il mais ogm. Ma altri istituti europei e statunitensi hanno messo in discussione la validità dello studio, sotto il profilo dell'ampiezza del campione e della completezza dei dati. NK603 è un tipo di mais disegnato per essere resistente al diserbante Roundup, anch'esso prodotto da Monsanto, e utilizzato per massimizzare le rese. Un portavoce del gruppo ha ridimensionato l'importanza il blocco dell'import russo. "La Russia è un esportatore netto di cereali e l'impatto reale della sospensione temporanea è minimo, se non nullo" ha dichiarato il portavoce all'edizione online del Wall Street Journal.

(fonte Afp)

Raro terremoto di M 4,2 in Francia

30 settembre 2012 - Una scossa tellurica e' stata registrata alle 16:42 UTC sulla costa occidentale della Francia.l'evento sismico ha avuto una magnitudo di 4,2 ed una profondita' ipocentrale di 11 km,con epicentro a 69 km a su da Nantes.Il terremoto ha colpito una zona storicamente a bassa simicita'.

Violento terremoto i Colombia M 7,4

30 settembre 2012 - Era dalle 15:30 italiane che la rete sismica mondiale non registrava alcun terremoto e quello che si temeva e' avvenuto.Un violento terremoto di magnitudo 7,4 e' stato registrato alle ore 16:31 Utc in Colombia,a 50 km a sud da Popayan.L'evento sismico e' avvenuto ad una profondita' ipocentrale di 140 km.Per il momento non si hanno notizie preliminari di danni a cose o persone,restate sintonizzati per aggiornamenti...


SEGUITECI SU FACEBOOK!!!

Il mondo in rivolta, negli Usa si stanno preparando per la legge marziale?

A boy holds a Polish national flag as thousands of participants gather at mass before a march against government policies organized by main right-wing opposition party Law and Justice (PiS) and Solidarnosc trade union at Three Crosses Square in Warsaw September 29, 2012 (Reuters / Kacper Pempel)
29 sett 2012 protesta in Polonia

30 settembre 2012 - L'onda di protesta si sta espandendo a macchia d'olio in Europa dopo Portogallo e Spagna anche Inghilterra e Polonia si aggiungono al treno..Per qualcuno questo movimento sarebbe pilotato dai poteri forti con lo scopo di spazzare le istituzioni democratiche di ogni paese per imporre una dittatura globale.Stiamo attenti che anche in Italia e' in atto una demolizione controllata delle istituzioni democratiche anche se colpevolmente corrotte.


29 sett 2012 manifestazione in Portogallo


Indiscrezioni provenienti dagli Stati Uniti riportano un intenso movimento di mezzi militari nell'ultima settimana carri blindati trasportati su treni e presenza di veicoli militari lungo strade civili in California.

Cosa bolle in pentola?

Non dimentichiamo che dallo scorso marzo 2012 con un ordine esecutivo negli Usa e' stata decretata la legge marziale nel paese in caso di emergenza nazionale,gli attacchi informatici degli ultimi giorni verso le maggiori banche americane rischiano di mandare in tilt l'intero mercato finanziario mondiale tutto cio' non lascia presagire nulla di buono teniamo gli occhi aperti che qualcosa di grosso sta per accadere...
http://beforeitsnews.com/military/2012/09/major-troop-movements-in-the-us-headed-to-dc-videos-and-more-2445220.html

SEGUITECI SU FACEBOOK!!!

Banche Usa, allarme sulla sicurezza dei sistemi informatici


Dopo i recenti attacchi informatici, è allarme sulla sicurezza delle più importanti banche americane. Lo rivela l’agenzia Bloomberg, che cita diversi specialisti del settore, oltre ad alcune fonti interne alle autorità statunitensi...
Dopo i recenti attacchi informatici è allarme sulla sicurezza delle più importanti banche americane. Lo rivela l’agenzia Bloomberg, che cita diversi specialisti del settore, oltre ad alcune fonti interne alle autorità statunitensi. 
A scagliarsi contro gli istituti di credito è stato un gruppo di pirati informatici che ha sede al di fuori dei confini degli Usa. Due settimane fa sono iniziati i primi “test”: in seguito sono partiti gli attacchi veri e propri, a cominciare da JPMorgan, Citigroup e Bank of America, per poi passare a Wells Fargo, US Bancorp e PNC Financial Services. I siti sono stati sovraccaricati di traffico, tanto da risultare inaccessibili per i clienti per alcune ore. Per stimare con precisione i danni ci vorranno ancora diverse settimane. «La natura di quest’attacco – spiega Rodney Joffe, di Neustar – è abbastanza sofisticata e ampia che persino la più grande delle società finanziarie avrebbe avuto difficoltà a difendersi».  

Ecco la musica del Sole!



IL SOLE E’ SEMPRE STATO FONTE DI ISPIRAZIONE PER MUSICISTI E CANTANTI    

Ma ora gli scienziati sono riusciti a registrare, e a rendere udibile all’uomo, la musica che la stella stessa è in grado di produrre. Un’armonia musicale, generata dal campo magnetico nella parte esterna della sua atmosfera, molto simile a quella delle corde di una chitarra. E di cui, sicuramente, ignorava l’esistenza lo stesso Lucio Battisti, quando, nel 1971, incantò gli italiani con la sua “Canzone del Sole”.La registrazione è stata realizzata dal team di ricercatori che, già tre anni fa, nel corso di un convegno della Royal astronomical society, era riuscito a spiegare, nel dettaglio, il fenomeno di questa particolarissima armonia solare. Robertus von Fáy-Siebenbürgen, a capo del gruppo di astronomi dell’università di Sheffield, ha evidenziato come gli enormi archi magnetici che si generano nella corona solare, possano produrre delle onde sonore che si propagano come quelle di una corda di una chitarra. In altri casi ancora, producono onde simili a generate dagli strumenti a fiato.
PER ARRIVARE A RIPRODERRE I SUONI

Gli scienziati inglesi si sono serviti delle immagini catturate dal satellite di questi archi magnetici – che possono raggiungere anche lunghezze pari a 96mila chilometri – arrivando poi ad accelerarne la frequenza, in modo che anche l’orecchio umano possa sentirli. Come evidenziato già nel 2007, infatti, la frequenza dei suoni emessi è inferiore alla soglia minima udibile dall’uomo.Non ci sarebbe nulla di avvincente in questa melodia: per ammissione stessa di chi l’ha sentita, è una “vera noia”. “Sentire per la prima volta questi suoni, emessi da una fonte così grande e potente, è stato bello  -  ha detto il professore parlando con il Daily Telegraph  -  Siamo di fronte ad una musica che ci permetterà di studiare il Sole sotto una nuova prospettiva, e di comprendere meglio cosa avviene negli strati esterni dove le temperature raggiungono milioni di gradi”. Gli archi magnetici, fanno notare gli esperti, vibrano “pizzicati” da potenti esplosioni che avvengono alla loro base. Le onde acustiche generate da ognuna di queste esplosioni viaggiano a una velocità che può variare dalle 45mila alle 90mila miglia l’ora e possono rilasciare un’energia pari a milioni di bombe all’idrogeno.
LA RICERCA DEGLI SCIENZIATI BRITANNICI

Potrebbe aiutare gli astronomi a prevedere le temibili tempeste solari. La scorsa settimana, la Nasa ha ricordato come l’attività solare stia progressivamente aumentando: la conseguenza sarà l’immissione nel sistema solare, entro il 2013, di livelli di energia magnetica molto alti. Per gli esperti, ciò potrebbe mandare in brevissimo tempo in tilt tutte le apparecchiature elettriche, lasciando il pianeta al “buio”. Potrebbero saltare anche i sistemi di comunicazione e tutti i dispositivi GPS. “Studiare la musica del Sole  -  ha evidenziato a tal proposito il professor Fáy-Siebenbürgen  -  potrebbe darci la possibilità di capire meglio e prevedere queste tempeste solari”. Per il docente, le prospettive future di conoscere il comportamento del Sole sono incoraggianti: “Questi archi oscillano come la corda di una chitarra o l’aria in uno strumento musicale a fiato. Col passare del tempo, le onde muoiono progressivamente, e questo ci potrà aiutare a comprendere meglio ciò che avviene nell’atmosfera solare”.
LA MUSICA DEL SOLE

Fonte: la Repubblica.it
Redatto da Pjmanc  http://ilfattaccio.org

SEGUITECI SU FACEBOOK!!!

Attesa un onda d'urto di plasma solare per le prossime ore!

Il campo magnetico intorno alla regione solare Sunspot 1577 ha provocato un eruzione solare proiettata verso la Terra.


La sonda Nasa Soho ha ripreso la nube di plasma in espansione dalla superficie solare e che secondo le stime dovrebbe impattare con la magnetosfera terrestre oggi 30 settembre 2012.
Le previsioni del NOAA stimano una probabilita' del 50 % di forti tempeste geomagnetiche per le prossime ore intorno alle regioni polari.Osservatori celesti potranno assistere a meravigliose aurore boreali.
http://www.spaceweather.com/


SEGUITECI SU FACEBOOK!!!

Torna a tremare la Terra questa notte in provincia di Benevento

30 settembre 2012 - Alle 03:23 italiane un nuovo sisma ha fatto tremare la Terra nel Sannio.l'evento di magnitudo 2,5 della scala richter e' avvenuto ad una profondita' ipocentrale di 8,8 km.l'epicentro compreso tra Benevento,Airano Irpino.

29 settembre 2012

Il vaticano e il NWO (New World Order)



Il documento emesso dal pontificio consiglio della giustizia e della pace (vedi qui) dal titolo: “Per una riforma del sistema finanziario e monetario internazionale nella prospettiva di un’autorità pubblica a competenza universale“ lascia molto l’amaro in bocca. Apparentemente è mosso da nobili principi, e cioè quelli riassunti nella prefazione: “la Chiesa, lungi dal pretendere minimamente d’intromettersi nella politica degli Stati, “non ha di mira che un unico scopo: continuare, sotto l’impulso dello Spirito consolatore, la stessa opera del Cristo, venuto nel mondo per rendere testimonianza alla verità, per salvare, non per condannare, per servire, non per essere servito”»

Peccato che poi, sia nel titolo, che nel contenuto, il documento sia una esortazione ad ungoverno mondiale come soluzione dei problemi derivanti dalla crisi economico-finanziaria mondiale. Già sarebbe stato da criticare se fosse stato di provenienza laica, cioè se un qualunque partito o movimento politico lo avesse proposto (e spiego dopo perchè sono contrario alla globalizzazione (*)): ma che venga dalla Chiesa di Cristo, questo no, proprio non lo riesco a mandar giù.
Ad esempio:
  • vengono citati tutti gli ultimi papi e le loro encicliche: da Giovanni XIII, a Paolo VI, Giovanni Paolo I (sì, anche lui sono riusciti a metterci dentro, il papa che voleva eliminare la massoneria dalla chiesa, con mandato “terminato” a soli 33 giorni dall’elezione), Giovanni Paolo II, Benedetto XVI; ma non c’è una citazione di Gesù! Forse che è già diventato obsoleto?
  • Il cardinal Caffarra, nell’omelia della messa per il V anniversario dell’elezione al soglio pontificio di Benedetto XVI aveva detto: “È intrinseco alla testimonianza cristiana lo scontro coi poteri di questo mondo. ” Bello. Condivisibile. Molto “cristiano” (da chi infatti è stato messo a morte Gesù?) E questi? L’unica soluzione che riescono ad immaginare è una ulteriore delega di potere, ancora più centrale, ancora più forte, che deve governare il mondo per la risoluzione dei problemi che si sono venuti a creare (chissà? Magari creati apposta per poi giustificare tale “autorità mondiale” che ci viene a salvare?). Ma sulla Bibbia non c’è scritto “Maledetto l’uomo che confida nell’uomo?” (Ger, 17, 5-6) E poi l’esperienza insegna, ad esempio con la comunità europea, che il governo centrale delle nazioni, oltre a rinnegare le radici cristiane dei popoli, ha imposto normative a favore dell’aborto agli stati membri. Sulla base di quale esperienza si crede che una ulteriore delega di autorità ad un governo mondiale potrebbe agevolare un ritorno ai valori cristiani?
  • In 12 pagine di analisi e soluzioni proposte, non una, dico una volta, viene accennato al tema della creazione del denaro da parte di enti privati (signoraggio primario) o alla creazione di inflazione col meccanismo della riserva frazionaria (signoraggio secondario). Eppure non credo che a tali menti illuminate anche dalla luce dello Spirito Santo manchino gli elementi per comprendere tali meccanismi perversi. Solo un accenno a pag.3: “Ma in materia monetaria e finanziaria le dinamiche sono diverse. Negli ultimi decenni sono state le banche ad estendere il credito, il quale ha generato moneta, che a sua volta ha sollecitato un’ulteriore espansione del credito. Il sistema economico è stato in tale maniera spinto verso una spirale inflazionistica che inevitabilmente ha trovato un limite nel rischio sostenibile per gli istituti di credito, sottoposti ad un pericolo ulteriore di fallimento, con conseguenze negative per l’intero sistema economico e finanziario.Capito? Loro sanno bene che la creazione incontrollata di denaro è la causa del problema, ma la soluzione prospettata rimane quella dell’unico governo mondiale.
  • In 12 pagine di parole non trovate una volta la parola USURA. Ma non era quella la causa dei mali, tanto che in antichità era vietata (guadagnare denaro dal denaro), tanto che gli unici che si erano arrogati questa attività erano gli ebrei? E adesso? Se era un male allora, oggi, con internet, i computer, e l’informatizzazione che permette di creare e muovere capitali al semplice clic di un mouse le cose non sono molto peggio?
  • L’episodio della torre di Babele viene citato, a mio avviso, a sproposito. “La Bibbia, con il racconto della Torre di Babele (Genesi 11,1-9) avverte come la « diversità » dei popoli possa trasformarsi in veicolo di egoismo e strumento di divisione. ” Ma come? La diversità dei popoli, le lingue diverse, non erano state un castigo di Dio per gli uomini che, riponendo troppa fiducia nella loro capacità di auto-organizzarsi, pensavano di potersi sostituire al loro stesso Creatore? E qui, proprio loro che suggeriscono un’organizzazione mondiale per risolvere i problemi dell’umanità, riprendono lo stesso episodio a supporto della loro teoria? (“il riferimento ad un’Autorità mondiale diviene l’unico orizzonte compatibile con le nuove realtà del nostro tempo e con i bisogni della specie umana”); 
  • Evidentemente la scalata al Cielo che gli uomini volevano operare con la Torre di Babele non piacque a Dio,  che voleva invece una scalata di tipo spirituale, interiore. Gesù mi sembra sia stato molto più attento al prossimo, al cuore dell’uomo, che alla dottrina sociale, alle politiche, alle riforme. Oltre al famoso episodio della moneta, quando disse “Date a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che di Dio“, non dimentichiamo che ad un certo punto i suoi discepoli, anche appoggiati da potenti del tempo, volevano prenderlo per farlo re, ma lui sfuggì loro. Non era questo il suo Regno, come disse in seguito a Pilato. In questo documento invece mi sembra che la religione si offra come un instrumentum regni,stampella di supporto a quel potere che vuole controllare e dominare l’intera umanità il quale potere, come confermato dal Tentatore a Gesù (“Tutti i regni di questo mondo mi appartengono“) è ispirato e votato all’inquilino del piano di sotto. D’altra parte lo stesso Gesù ha definito Lucifero “il principe di questo mondo“. E questi(**) invocano un principe ancora più forte, con maggiori poteri?
Ecco i motivi della mia delusione.
_______________________________________________________________
(*) sono contrario alla globalizzazione perchè ritengo che la distanza fra governo dei cittadini e cittadini stessi debba essere la minore possibile. Io voglio un “governo” di quartiere, di via, di condominio. Non voglio che chi amministra la cosa pubblica stia dall’altra parte del mondo, non poterlo conoscere, incontrare, discuterci insieme. I problemi sono affrontati meglio da chi li conosce direttamente: come può la comunità europea legiferare correttamente sulla misura delle reti da pesca dei pescatori di Chioggia? In generale l’aumento delle distanze aumenta le possibilità di inserimento di truffe, imbrogli, alterazioni. Pensate al contadino che produce il latte per la sua comunità. Se chi beve il suo latte sono i vicini, si permetterà di darglielo adulterato? No, nella piccola comunità la faccia, la reputazione sono tutto. Ma se vendo il mio latte dall’altra parte del mondo, protetto da una facciata di un brand, che magari in caso di scandalo o disastro cambierà il nome e l’amministratore delegato e tutto continuerà come prima (da Bhopal al Talidomide è sempre andata così), posso fare qualunque nefandezza. La distanza permette il prosperare di una economia guidata solo dalla logica del profitto, e si apre la porta ai peggiori comportamenti.
E questo (piccolo, locale è bello) è un modello da applicare nei vari settori: politico, fiscale, sanitario, scuola, ricerca, energia (produzione locale e autonomia, non grandi centrali e grandi reti di distribuzione).
(**) Dico “questi” perchè questo documento non è di emissione papale, come un’enciclica, ma del pontificio consiglio della giustizia e della pace.




SEGUITECI SU FACEBOOK!!!

Portogallo: protesta anti-austerita' a Lisbona


(AGI) - Lisbona, 29 set. - Migliaia di portoghesi hanno manifestato a Lisbona contro l'austerita', mentre il governo dovra' presentare a meta' ottobre una nuova, dura finanziaria.

La protesta pacifica e' stata organizzata dal sindacato della CGTP e arriva dopo che il premier, Pedro Passos Coelho ha promesso di ascoltare la voce del popolo, rivedendo in parte i rincari delle tasse e contributivi precedentemente annunciati.

Resta il fatto che nella finanziaria per il 2013 l'esecutivo dovra' comunque varare nuovi sacrifici per evitare che il deficit sfori il tetto concordato. Oggi i manifestanti a Lisbona hanno scandito slogan contro il governo di centrodestra. "Un anno fa - ha detto dal palco il leader sindacale, Armenio Carlos - il premier ci aveva assicurato di aver concordato con la troika le soluzioni per risolvere i problemi del Paese. Ma e' un film che abbiamo gia' visto in Grecia, stiamo andando verso una strada senza uscita, che ci sta spingendo nel precipizio" .

Foto: Occupy Spain

Terremoto 4.2 al largo delle isole Eolie

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è stata registrata alle 2:39 al largo delle isole Eolie, in Sicilia. Secondo i rilievi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 256,1 km di profondità ed epicentro non lontano da Leni, Lipari, Malfa e Santa Marina Salina (Messina).
Aggiungi didascalia

Il Servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs) ha misurato la magnitudo della scossa in 4.5 gradi della scala Richter ed individuato il suo epicentro 14 km ad ovest di Lipari e 43 km a nord di Capo d'Orlando. Si tratta della più forte di una serie di scosse registrate nelle ultime ore nella zona della costa settentrionale della Sicilia, in provincia di Messina: altri quattro sismi di magnitudo tra i 2.1 e 2.2 gradi si sono verificati rispettivamente alle 21:05 e alle 22:44 di ieri, e alle 2:59 e alle 3:06 di oggi. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose. fonte: ansa.it The Day After


SEGUITECI SU FACEBOOK!!!


Una zoomata sul buco nero. Ecco come nasce una galassia

Vedere una galassia nascere davanti ai propri occhi non è una fortuna che capita tutti i giorni. Gli astronomi lo sanno bene e, piegati di fronte all'impossibilità di gestire i tempi cosmici, preferiscono setacciare l'Universo alla ricerca di modelli a portata di telescopio.
Oggi, uno dei soggetti più interessanti è un buco nero generatosi nella galassia M87: le osservazioni condotte dal team di Shepherd Doeleman astronomo e assistant director presso l'Haystack Observatory del Mit, potrebbero dare preziosi suggerimenti sul comportamento della materia che genera nuovi ammassi di stelle.


ome spiega lo studio pubblicato dal team di Doeleman su Science Express, i buchi neri sono una fonte inesauribile di informazioni. In questo caso, gli astronomi erano interessati ai getti di particelle originati da nubi di gas e polvere che vorticano intorno al proprio centro di origine e che possono estendersi per centinaia di migliaia di anni luce, proprio come un immenso gorgo stellare. Per anni gli scienziati hanno ipotizzato che questi aggregati cosmici nascessero proprio dai buchi neri situati al centro di alcune galassie, ovvero dal gas e polveri risucchiati dalla loro forza, ma non c'è mai stato modo di osservarlo direttamente.
hubble-zoom-buco-nero-02.jpg
La rara istantanea della regione che circonda il buco nero supermassiccio al centro della galassia, dove la materia gira vorticosamente mentre precipita verso il buco nero stesso, è stata ottenuta scrutando con un telescopio virtuale (composto da più telescopi in località diverse) la galassia M87. In questo modo, i ricercatori sono riusciti, forse, a spiegare come si formino quei getti di materia ad altissima energia che si osservano all’interno di alcune galassie.
Mettendo assieme i segnali raccolti da più antenne radio dalle Hawaii alla California, i ricercatori sono riusciti a ottenere la risoluzione necessaria per studiare la parte basale del getto che parte dal centro della galassia M87. In questo modo hanno scoperto che il punto da cui parte il getto è molto piccolo. Attraverso una complicata serie di calcoli, questo permette di convalidare alcune ipotesi sulla formazione del getto ed escluderne altre.
C'è voluto un grande sforzo tecnico per far sì che un buco nero si rivelasse come l'artefice di questi getti cosmici: l'equipe di Doeleman si è servita di ben 4 telescopi terrestri per mettere in piedi un osservatorio tanto potente da studiare il comportamento delle nubi di gas e polvere situate nella galassia M87 in tutti i suoi dettagli. Si tratta delJames Clerk Maxwell Telescope (Jcmt) alle Hawaii, il Radio Observatory Submillimeter Telescope (Smt) in Arizona e due telescopi del Combined Array for Research in Millimeter-wave Astronomy (Carma) in California. Grazie all'imponente batteria di strumenti, gli astronomi sono riusciti a identificare l'origine dei getti di materia nei pressi del buco nero.
I bracci della nube si muovono seguendo la direzione di rotazione del buco nero e nel punto di “contatto” raggiungono dimensioni tanto ridotte da non lasciare quasi alcun dubbio sulla propria origine. Questa scoperta aiuterà gli astronomi a comprendere meglio come la materia stellare possa essere riorganizzata e distribuita nelle galassie grazie all'azione dei buchi neri.
“La novità più grande di questo studio è proprio il fatto di essere riusciti a osservare il punto esatto in cui il buco nero e il suo ambiente circostante producono questa cosa strana e per certi versi inaspettata” commenta Marcello Giroletti dell’Istituto di Radioastronomia dell’INAF di Bologna. “In alcune condizioni il buco nero, anziché mangiarsi tutta la materia che lo circonda, ne accelera una parte e la getta fuori fino a migliaia di anni luce di distanza”.
Come avviene questo fenomeno? Lo studio di Doeleman propone una risposta. “Sembra che il ‘trucco’ sia che in questo caso, a differenza di altri, il buco nero gira su stesso e la materia che ci cade dentro gira nello stesso senso. Questo innesca meccanismi molto complicati che fanno sì che parte della materia sfugga e venga accelerata fino a grande distanza”. [Fonte - Fonte].

http://ilnavigatorecurioso.myblog.it


SEGUITECI SU FACEBOOK!!!

Monti-bis: e' ufficiale in Italia la democrazia e' morta!



di Italo Romano
Giorni intensi per il nostro premier golpista. Difatti, Mario Monti è voltato al di là dell’oceano, negli Stati Uniti. I capi l’hanno richiamato al quartier generale. Ci sono nuovi ordini da prendere. La prima tappa, da buon credente, è stata la borsa di Wall Street, tempio del mercato ultraliberista del capitale globalizzato. Poi ha bussato alla porta dei sacerdoti della speculazione finanziaria: Moody’sSoros e Goldman Sachs.
In seguito è intervenuto all’assemblea delle Nazioni Unite, un debutto per lui, non perdento occasione di ricordare che questa in atto è la peggiore crisi della storia.
Ormai e’ chiaro che avere piu’ Europa sia un interesse globale” ha sottolineato il tecnocrate liberista. Capite? E’ un interesse globale, quindi non è vero che gli Stati Uniti spingono per la disgregazione dell’Unione europea, sono solo luoghicomuni e falsità piddine.
Poi, citando uno dei padri nobili dell’europeismo, il filosofo francese Jean Monnet,  ha ricordato uno dei mantra della oligarchia europea al potere: “L’Europa sara’ costruita’ passando attraverso le crisi“.
Se questa crisi non è creata a tavolino per schiavizzare i popoli, è di sicuro usata e fomentata per raggiungere gli scopi dei poteri forti della finanza: superstati centralizzati, base essenziale per la creazione di un Nuovo Ordine Mondiale.
Infine, ma non per importanza, il banchiere bocconiano ha partecipato all’incontro delCouncil on Foreign Relations (CFR), vero ministero degli esteri degli States.
Qui ha dato contezza del suo totale asservimento ai poteri ombra che dirigono le sorti delle nazioni e dei popoli.
Tutti ricordate quando agli inizi di Settembre dichiarò intervenendo al forum Ambrosetti, in quel di Cernobbio:
Il mio orizzonte finisce ad aprile 2013“.
Anche se aveva nettamente lasciato uno spiraglio aperto, scatenando l’entusiasmo di politici, manager e di tutti quei personaggi che affollano i circoli elitari tanto cari a Mario Monti, dove oramai è stato spostato il potere decisionale.
Negò una sua candidatura ma nel contempo auspicò una continuità di governance:
È sicuramente episodica, transeunte e limitata nel tempo l’esperienza del governo tecnico. Ma sono sicuro che non sarà limitata nel tempo l’esperienza di una maggiore penetrazione dei saperi e delle competenze professionali nell’attività politica con una maggiore consapevolezza del quadro internazionale ed europeo“.
Ciò significa che la politica partitica e democratica avrà sempre più un ruolo marginale. Tutto ciò che sarà avverso sarà etichettato come “populismo”, ma del resto è quello che già avviene oggigiorno.
Sta di fatto che l’alto traditore Giorgio Napolitano ha eletto Senatore a vita Mario Monti, quindi lui sarà presente e decisivo fino alla sua dipartita, le elezioni sono un dettaglio.
I poteri forti lo acclamano, l’investitura è avvenuta, si devono trovare solo le modalità “democratiche” per mantenere Mario Monti alla guida dell’Italia.
Lui inizia a prendere coscienza di ciò e nel suo intervento al CFR afferma:
Un proseguimento della premiership? Se ci dovessero essere circostanze speciali, che io mi auguro non ci siano, e mi verrà chiesto, prenderò la proposta in considerazione“.
Mentre in una intervista a BloombergTv aggiunge:
Non ho piani o desideri specifici per il futuro. Voglio che le forze politiche, i mercati e la comunità internazionale sappiano che sarò sempre lì“.
Capite? Lui c’è e ci sarà a prescindere. E’ un uomo che da oltre trentanni serpeggia nel dietro le quinte della politica nazionale, questo è un dettaglio che molti ingenuamente trascurano.
I leader di partito sanno che l’unico modo per rimanere in Parlamento è appoggiare Monti senza remore e titubanze. Sono tutti propensi e concordi per un MontiBis e l’hanno più volte affermato, al di là delle posizioni di facciata, senza mezzi termini.
Che vi sarà una impasse è fuori dubbio. I due principali partiti non andranno con tutta probabilità molto oltre il 20% ciascuno. Avremo un governo di “larghe intese”, un’accozzaglia di roditori senza nessun nesso logico. Dove potrebbero mai andare? Questa sarà la “scusa”per continuare con la tecnocrazia finanziaria predatoria.
Il teatrino elettorale servirà solo a dare parvenza democratica ad un paese totalmente spogliato della sua sovranità.
Che ci piaccia o meno, avremo un altro governo tecnico il cui unico compito sarà l’annessione bancaria e fiscale degli Stati nazionali nell’Europa totalitaria. Non l’Europa dei popoli, di cui molti si riempiono la bocca, ma l’Europa degli schiavi, l’Europa della mano d’opera a basso costo per continuare ad essere competitivi sui mercati internazionali, l’Europa del libero mercato, dell’unicità e della distruzione del particolare.
Così, mentre in Italia siamo impegnati in lotte fratricide, pensando di essere fighi e alternativi, “ispirate” da vecchie ideologie inculcate ad arte per “dividere e comandare”, questi si pappano le ricchezze del Belpaese e ci svendono come merce sui mercati globali.
Siamo nell’anticamera del caos.
Solo un disordine prolungato può giustificare l’instaurazione di una dittatura. Il disordine sistematico paralizza la vita economica e sociale, rende difficili i rapporti con l’estero, aggrava la miseria, discredita in modo irrimediabile le istituzioni, rende incerto ogni progetto e finisce col far apparire la dittatura come l’unica salvezza. Dal disordine permanente scaturiscono le condizioni spirituali in cui l’uomo della strada perde la pazienza, abbandona ogni ritegno e ripete a tutti quelli che incontra, anche agli sconosciuti: Venga chiunque, venga anche il diavolo con sua nonna, purchè governi seriamente e faccia una buona volta cessare questo caos“.

[Ignazio Silone - La scuola dei dittatori]
Non è proprio quello che è successo prima dell’arrivo di Mario Monti?
Questa dittatura usuraia non è caduta dal cielo e non ha sottomesso uomini liberi, ma folle già educate ad ubbidire da tutte le forme della vita democratica.
L’unica vera ribellione è il boicottaggio. Il resto sono armi del sistema per dare libero sfogo alla massa, per dare speranza e false illusioni. Se non comprendiamo questo non abbiamo compreso il meccanismo infernale sistemico che ci lacera lentamente e quotidianamente, senza sosta e senza pietà.
E’ ora di impare dalla storia e proporre forme di rivolta differenti.
Altrimenti non ci resterà che ammettere: un Monti è per sempre…

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...